Messaggio di errore

Notice: Undefined property: stdClass::$field_immagine_header in include() (linea 18 di /var/www/html/istitutoinnocenti_new/sites/all/themes/goodnex_formarsi/templates/views/node--token.tpl.php).
Da Gian Burrasca a Rosai e Balla: le opere più famose ispirate al mondo dei bambini in mostra al Museo degli Innocenti
07 July 2020

Gian Burrasca, le copertine del Giornalino della Domenica, e poi le opere di grandi artisti del secolo scorso e di oggi che richiamano linguaggi e mondi infantili. La nuova mostra del Museo degli Innocenti “Bambini per Sempre! Infanzia e illustrazione nell’arte del primo Novecento”, aperta dal 9 luglio al 14 settembre, raccoglie tutto questo e apre ai visitatori una porta sull’arte che attinge dal mondo dei bambini.

La mostra segna la ripartenza delle attività del Museo degli Innocenti dopo l’interruzione forzata nei mesi scorsi e riprende con un vero e proprio inno all’infanzia, seguendo il solco tracciato dall’attività che l’Istituto porta avanti da 600 anni, attraverso una armoniosa unione tra la bellezza dei luoghi che lo ospitano e l’attività di ricerca, culturale e di accoglienza che caratterizza la sua missione.

C’è il “Giornalino di Gian Burrasca”, che rese memorabili le pagine e le immagini d’autore del “Giornalino della Domenica” di Vamba, alias Luigi Bertelli. Un’esperienza editoriale che fece la storia, anche e soprattutto per le moderne invenzioni figurative ideate da illustratori come Biasi, Brunelleschi, Rubino, Scarpelli, Terzi. Ci sono le opere di grandi artisti del primo Novecento - Balla, Balduini, Cambellotti, Carlini, Carrà, Conti, Levasti, Rosai, Soffici, Viani accanto a quelle più rare di Alberto Magri - che, travolti dalla forza del futurismo, trovarono nel mondo dell’infanzia un porto sicuro di fascinazione e ispirazione. E come un racconto che attraversa gli anni, c’è l’arte contemporanea di Sandra Tomboloni che ripropone, dopo un secolo, quel modo non scontato di leggere la realtà.

La mostra, a cura di Nadia Marchioni e Arabella Natalini, è allestita nel Salone Borghini del Museo degli Innocenti, e propone nuove e interessanti prospettive di ricerca sul “primitivismo infantile”.

La mostra è aperta al pubblico dal 9 luglio al 14 settembre 2020 dal giovedì al lunedì, in orario 16-20.

Si ricorda che l’accesso al Museo è consentito con mascherina e regolamentato dalle misure di distanziamento previste dal disciplinare nazionale e regionale sui musei.

Per maggiori informazioni:
www.museodeglinnocenti.it – tel. 055 2037308

Video sulla mostra girato da Florence Multimedia