Messaggio di errore

Notice: Undefined property: stdClass::$field_immagine_header in include() (linea 18 di /var/www/html/istitutoinnocenti_new/sites/all/themes/goodnex_formarsi/templates/views/node--token.tpl.php).
L'appartamento ristrutturato grazie a Salvatore Ferragamo SpA e arredato da Enel Cuore Onlus
11 October 2019

L’Istituto degli Innocenti ha inaugurato oggi una nuova struttura di accoglienza per ospitare madri e bambini che si trovano in situazioni di disagio familiare, realizzata grazie al contributo di Salvatore Ferragamo SpA e arredata grazie a Enel Cuore, la onlus che esprime l’impegno del Gruppo Enel nella filantropia e nella solidarietà.

All’inaugurazione, che fa parte degli eventi inseriti nel programma delle celebrazioni del Seicentenario dell’Istituto, hanno partecipato, oltre alla presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida e ai consiglieri Alessandro Mariani e Giuseppe Sparnacci, il Presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani, l’Assessore al Welfare del Comune di Firenze, Andrea Vannucci, un rappresentante della Salvatore Ferragamo SpA e Emiliano Maratea di Enel Cuore Onlus.

Nuova Casa Rondini è la quarta casa di accoglienza che si va ad aggiungere a Casa Bambini, Casa Madri e Casa Rondini per arricchire l’offerta di accoglienza residenziale dell’Istituto degli Innocenti grazie alla quale vengono fornite risposte a situazioni di disagio, in stretto raccordo con i servizi sociali, la magistratura ordinaria e minorile, gli organi di polizia giudiziaria, le Aziende Sanitarie del territorio.

Lo scopo del servizio di accoglienza residenziale è quello di proteggere bambini e mamme, investendo soprattutto sulle competenze genitoriali e facilitando l’acquisizione di quelle capacità che servono a proiettarsi nella realtà sociale, utili soprattutto per la ricerca dell’autonomia lavorativa. Qui le mamme imparano a vivere in gruppo, a conoscersi e sostenersi, a soddisfare le proprie esigenze all’interno della convivenza con gli altri ospiti della struttura.

L’appartamento Nuova Casa Rondini era in passato adibito a uffici. L’intervento ha previsto la realizzazione di una nuova struttura di accoglienza per bambini e madri, capace di accogliere tre nuclei familiari.

Sono state quindi realizzate tre camere, un soggiorno, un bagno, una nuova cucina e servizi accessori, sono stati installati nuovi pavimenti e rivestimenti, impianti elettrici e di condizionamento, sono stati restaurati gli infissi. Il costo complessivo dell’intervento è stato di circa 66 mila euro. L’appartamento è stato completamente arredato per un costo di circa 18 mila euro.

“L’inaugurazione della quarta struttura di accoglienza è per l’Istituto una grande soddisfazione e se possiamo festeggiare questo traguardo dobbiamo ringraziare chi ha finanziato l’intervento di ristrutturazione e l’arredamento della Nuova Casa Rondini – commenta la presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida – Grazie quindi alla Salvatore Ferragamo SpA e a Enel Cuore Onlus che hanno dimostrato in più occasioni la vicinanza all’Istituto degli Innocenti e hanno voluto lasciare un segno della loro amicizia nei confronti dell’ente che da sei secoli si occupa dei bambini e difende i loro diritti nell’anno del Seicentenario. Sappiamo bene come aiutare una mamma in difficoltà significa aiutare il suo bambino a crescere serenamente. È importante ampliare la disponibilità degli spazi per madri e bambini e qui agli Innocenti pensiamo che accoglienza e bellezza debbano andare di pari passo: siamo orgogliosi di poter presentare oggi questa nuova, accogliente e bella struttura completa di tutto che si trova all’interno della sede storica dell’Istituto”.

“L’apertura del nuovo servizio di accoglienza mamma-bambino risponde a una richiesta reale e concreta del territorio fiorentino – commenta il direttore generale Giovanni Palumbo - Dai dati del Centro regionale di documentazione per l'infanzia e l'adolescenza sulle strutture residenziali per minorenni nella nostra regione si evince infatti che a Firenze il numero di servizi mamma-bambino è proporzionalmente inferiore al numero dei servizi che si trovano nel resto della regione a livello complessivo e, in ogni servizio, il numero medio di ospiti è quasi doppio rispetto a quanto avviene nel resto della regione”.